Mio cognato è figlio unico

Mio cognato è tante cose.

E’ scapestrato, affettuoso ed irascibile.

E’ femminaro, imprevedibile e tenero.

Mio cognato abita a Roma.

Mio cognato quando si è svegliato dal coma dopo l’incidente in moto ha guardato suo fratello dritto negli occhi ed gli ha detto Tony toglimi tutte queste cose di dosso oppure mi alzo e me ne vado. Aveva tre arti ingessati e ferri e chiodi e fissatori da tutte le parti.

Mio cognato dice che quando fa trent’anni mette la testa a posto.

Una volta ho detto a mio cognato mi piacerebbe avere un gattino e dopo una settimana è arrivato con la macchina da Roma di notte e sul sedile davanti c’era un gatto e questo gatto era Cabiria, piccola e con un ascesso sulla fronte. L’ho trovata vicino al porchettaro, mi ha detto.

Quando abitavamo a Milano mio cognato si presentava all’improvviso, stava a casa nostra per mesi, faceva la riabilitazione, nonchè si faceva l’infermiera ma poi s’innamorava della fisioterapista.

Mio cognato l’inglese non lo sa. Mio cognato dice vengo in America per maturare e portarmi a letto tutte le ragazze che posso. Portarsi a letto non è esattamente il termine che ha adoperato.

Mio cognato si arrabbia se gli dicono che assomiglia a suo fratello, e poi quando ti abbraccia ti stritola.

Mio cognato quando ha deciso di venire a trovarci a Los Angeles ce l’ha detto il giorno prima ed è partito con mille dollari in tasca. Mio cognato non ha la carta di credito.

Le mie amiche dicono che mio cognato è un gran figo, ma per me è solo mio cognato.

Mio cognato mi fa preoccupare quasi tutto il tempo.

Nella vita mio cognato fa il pasticcere.

Io adoro mio cognato.

Crostatine di crema pasticcera e crema al cioccolato con frutta aspettando mio cognato

Ingredienti

Pasta frolla vegana quicrostatine crema

Crema pasticcera

  • 4 tuorli d’uovo
  • 4 cucchiai di zucchero
  • 2 cucchiai di farina
  • mezzo litro di latte di soia alla vaniglia
  • 300 ml di panna da montare
  • cacao in polvere due cucchiai

Frutta a piacere (uva, lamponi, ribes)

Come procedere

Preparare la pasta frolla vegana come indicato qui. Una volta ottenuto l’impasto, riporre in frigorifero per mezz’ora e poi dividere il composto in piccole parti per ottenere dei piccoli cestini da cuocere nella teglia per muffin, ricoperti di legumi secchi a 150° per 25 minuti.

Per la crema pasticcera vedi qui (unica differenza ho usato il latte di soia alla vaniglia). Una volta pronta, lasciare dividere la crema in due ciotole, aggiungendo in una delle due un paio di cucchiai di cacao, mescolando ancora qualche minuto sul fuoco per farlo sciogliere meglio. Far raffreddare.

crostatine crema e cioccolato

Una volta sfornate le crostatine, lasciare raffreddare per una ventina di minuti, quindi appoggiarle sul vassoio e riempirle con la crema alla vaniglia o al cioccolato, mettere in frigorifero per almeno mezza giornata così che la crema si rassodi (io le ho preparate la sera prima e lasciate tutta la notte) e decorare con frutta a piacere prima di servire.

About these ads

37 pensieri su “Mio cognato è figlio unico

  1. beh…non potevi accoglierlo meglio se non con queste deliziose crostatine!
    tieni conto che i pasticceri (come i cuochi) sono artisti pertanto tutti un pò pazzoidi…

    consolati perchè ti assicuro che tuo cognato è molto meglio del mio (per fortuna tra pochi giorni ufficialmente ex)

    ciao
    Silvia

  2. Ciao, come ha affermato la Greg, tuo cognato è sicuramente una persona originale, ma quando si fanno certi mestieri tipo cuoco, pasticcere ecc. ci vuole un tocco di originalità. Complimenti per quanto riguarda le crostatine.

  3. Se non fosse che non ci conosciamo e non ci sono matematicamente parentele tra noi… direi che tuo cognato potrebbe essere mio fratello. Ma lui è un musicista.: però musica e dolci fanno sognare e rendono migliori.

    sherazadegraziemolte
    ps. mio fratello è ubo strafigo si chiama francis ed è nato a New York!

  4. Ciao, mi hai messo del like
    Anche tu mi piaci, mi potrebbe anche piacere il cognato ma suona un tantinello incasinato.
    Mi ha divertito leggerti, buon segno…o cattivo, temo resterò a leggere piuttosto che scrivere il mio prossimo blog post.
    Ti auguro una buona giornata
    Lou

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...