19

Allegations

Di cose ne sono successe, tra il Ringraziamento e l’inizio del nuovo anno.

Il lunedì della settimana del Ringraziamento ero a casa con i piccoli e parlavamo allegramente di Babbo Natale mentre si ingozzavano di pizza, quando Nancy, assistente sociale a sorpresa, richiamata alla nostra soglia da una telefonata anonima che suggeriva trascuratezze e abusi sui suddetti piccoli, ci ha bussato alla porta. Allegations, le ha chiamate.

Ci ho messo due mesi a scriverlo perchè ogni volta, ancora adesso per la verità, mi viene una gastrite fulminante. Nancy ha fatto il suo lavoro, discreta e gentile, mi ha detto che la telefonata anonima non poteva dirmi chi l’aveva fatta, ma mi ha fatto capire che la bisnonna di Little B. non ci ama affatto, e che queste cose succedono sempre (!), poi mi ha fatto mille domande davanti  ai bambini  esagitati e shockati – che le visite non programmate non piacciono a nessuno – e sempre discretamente e gentilmente, me li ha fatti spogliare per controllarli. Un normale lunedì sera nella routine della nostra tranquilla famiglia. Io ho messo in atto tutte le tecniche yoga new age mindfulness che conosco (ovvero tre respiri profondi e via) e le ho spiegato che sì, Little B. ha una cicatricina attorno a un occhio per averlo sbattuto sul cancello della scuola due mesi prima, e per fortuna che c’è la relazione scritta della maestra,  e che se lei lo vuole chiamare occhio nero faccia pure; si, Little B. ha la pelle secca anche se lo ungiamo di olio di cocco dalla mattina alla sera; e che si, ha le ginocchia un po’ scorticate come tutti i bambini di quattro anni che vivono a LA e indossano shorts undici mesi all’anno, e corrono e saltano e si arrampicano -magari lui corre e salta e si arrampica un po’ al di sopra della media.

La storia del cancello e dell’olio di cocco l’ho dovuta raccontare estesamente anche il giorno dopo ai tre poliziotti che sono venuti a trovarci, e che mi hanno fatto prendere un colpo anche se sapevo che dovevano arrivare; due giorni dopo a Joseph, altro assistente sociale a sorpresa di cui conservo un caro ricordo di quando mi ha rimproverata perchè non tengo un diario con le “bue” dei miei figli con allegato album fotografico- io che pensavo di essere una mamma decente perchè mi ricordo le gite scolastiche, i lunch box, gli allenamenti di basketball e faccio parte di VeganLAMoms su facebook; e una settimana dopo al pediatra che ha dovuto ricontrollare pelle secca, ginocchia sbucciate e “occhi neri” su tutta la figliolanza.

Sempre all’insegna di una vita spericolata, nello stesso periodo  Little B, sempre lui, ha pensato bene di arrampicarsi al parco e scivolare su un’attrezzatura con una catena e spaccarsi il lobo dell’orecchio destro in due, pronto soccorso, punti e tutto a posto come prima. In ospedale lui era così contento del ghiacciolo e degli stickers regalati dai dottori che non vede l’ora di spaccarsi il lobo sinistro e tornarci.

Loro, i bambini, non l’anno presa bene. Cinquanta volte al giorno ripetiamo che è tutto a posto e sono solo controlli di routine, e nessuno li porterà via. Ma intanto K. ha ricominciato a bagnare il letto, Little B. ha smesso di dormire la notte, e Baby L.non ci ha capito molto però ogni tanto morde.

Poi Babbo Natale è arrivato, e ci ha portato un ukulele, troppi Lego e un appartamento nuovo e più grande, a Capodanno sono andata a letto alle dieci e venti, oggi mi hanno detto che l’investigation è conclusa e non c’è niente da temere e possiamo respirare di nuovo.

Buon anno in ritardo, vi auguro un anno di poche sorprese, ma belle, e senza allegations.

 

20

Giovane coppia con cane

Giovane coppia con cane a passeggio nel vicinato che mi ha visto scaraventare il monopattino di mio figlio nella spazzatura in un momento di forte esasperazione e dopo un pomeriggio di alta tensione, non mi giudicare male.

Giovane coppia spensierata che avrà pensato che razza di madre scellerata mentre mio figlio si gettava a terra e urlava ancora di più destando l’attenzione di ancora più vicini, quello che non sai è che quell’innocente bambino di sei anni per tutto il pomeriggio aveva torturato il fratello di quattro anni, istigato i suoi amici più grandi al parco contro di lui e spinto e preso in giro e fatto sgambetti appena la sottoscritta sembrava girare la testa dall’altra parte.

Giovane coppia con cane che non deve ogni giorno procurare snack sani ma appetitosi all’uscita da scuola e durante il playtime al parco e come incentivo per lasciare il parco, cerca di capire.

Giovane coppia felice, cinque anni fa ero voi – ma con gatto. Che poi è scappato.

Giovane coppia che non deve ricordarsi libri, audiolibri, album per colorare con pastelli a cera che si sciolgono al sole e giochi intelligenti per sopravvivere alla traversata in macchina di Los Angeles, sono sicura che avete cose più interessanti a cui pensare.

Cara giovane coppia, potrà sembrare un scusa, ma dal giorno delle elezioni non mi sento mica tanto bene. Ho i formicolii alle braccia e un sasso sullo stomaco e la testa che scoppia.

Giovane coppia shockata, che una scena così non l’avevate mai vista e che i genitori a Los Angeles sono tutti perfetti e dicono ai figli cose del tipo I like your attitude! o Good accepting no!

Giovane coppia che non ha la pressione degli assistenti sociali che mi dicono di giocare quindici minuti al giorno con LB da sola e senza fargli domande perchè lo mettono sotto pressione, o dei terapisti che mi dicono che BL deve dire venti parole entro Natale, o degli insegnanti che mi dicono che K. è un po’ troppo playful, sono sicura  che anche voi avete i vostri problemi. Coppia a passeggio, forse non lo sapete, ma a parte Tony che mi aiuta dopo il lavoro e CJ il fantastico babysitter del mercoledì pomeriggio, questi pischelli me li gestisco io da sola,  con tutto il parentado in Italy.

Giovane coppia, sono sicura che voi vi ricordate l’ultima volta che siete usciti insieme da soli. Io pure me le ricordo tutte, per il 2016 abbiamo il 14 febbraio, il 23 agosto e il 30 ottobre. E mi sa che per quest’anno finisce qui.

Coppia bella con cane, io leggo tutti i libri e tutti i blog e tutti gli articoli sul parenting, ma BL sono mesi che dorme nel nostro letto e non ne sono proprio entusiasta.

Giovane coppia, è da quando Tony è andato a Berlino per una settimana abbandonandomi qui con prole che mi arrogo il diritto di passare un fine settimana fuori da sola ma dentro il mio cuore so che non succederà mai.

Giovane coppia con cane e probabilmente senza figli, spero di non avervi fatto passare la voglia.

Giovane coppia, tranquilli che poi il monopattino siamo andati a recuperarlo.

E comunque il lancio del monopattino un po’ di soddisfazione me l’ha data.

 

8

Conversazioni coniugali

Lo sai che è morto Dario Fo?

Bob Bylan ha preso il Nobel!

Oggi Baby L. ha detto truck!

Cazzo, sta vincendo Donald Trump!

E’ morto Leonard Cohen!

Questi gli scambi verbali significativi che io e Tony siamo riusciti ad avere nell’ultimo mese. Più quella volta che ci siamo messi a parlare di mitocondri ma erano già le nove e trenta pm e io mi sono addormentata, e quell’altra volta che abbiamo parlato del video dell’iguana inseguito dai serpenti del National Geographic.

Dai, per questo mese non ci possiamo lamentare.

 

 

 

24

Come il ketchup sul melograno

img_20160620_080516

Hai bisogno di gridare?

Si, mommy.

Ok, aspetta che parcheggio.

Parcheggio. Apro la macchina, estraggo Baby L. per sua protezione, chiudo la macchina, gli dico Vai.

Little Brother urla, forte, acutissimo, per quindici-venti secondi, poi smette, mi guarda, aspetta la seconda domanda. Ancora un po’? Si, ancora un po’ (I have some more in me). Altre urla, meno prolungate, soddisfatte. Apro lo sportello, hai finito? Si mommy, ho finito.

Questa scena si è ripetuta ogni giorno per gli scorsi quattro mesi. Non ci vuole una laurea in psicologia per capire perchè. Poi improvvisamente l’altro giorno torniamo a casa, scendo dalla macchina, mi guarda e mi fa – Mommy, non ho più bisogno di gridare.

E vorrei dirvi che dopo questa straziante scena hollywoodiana strappalacrime magicamente tutto è risolto, che Little Brother è un piccolo Lord adesso, che si lava i denti senza ballare la macarena, che ha smesso di versare il caffè di Tony tutte le mattine a tavola e che non mette più il ketchup sul melograno.

E potrei anche parlarvi  di K., che è sempre più alto, più magro, più sdentato e sempre bello, ossessionato da Pina Bausch e terrorizzato da Donald Trump – e come dargli torto. O potrei parlarvi di Baby L., che a diciassette mesi le ha tutte vinte perchè troppo adorabile per dirgli di no e probabilmente fa tutte quelle cose che fanno tutti i baby di diciassette mesi ma che per noi sono incredibili anche quando ripete Daddy quattrocento volte (che potrebbe anche essere interpretato come dirty o guarda a seconda del contesto).

Ma questo post è dedicato a Little Brother, ormai fratello di mezzo e figlio perso e ritrovato.  Ritrovato questa volta per sempre, visto che fra dieci giorni firmiamo le prime carte dell’adozione, al sicuro con noi per sempre, anche se per farglielo capire dobbiamo ballare la macarena con lui e arrotolarlo come un salame nel tappetino yoga e portarlo a correre dopo cinque ore di hiking la domenica- almeno ci teniamo in forma. Perchè lui ora ride un po’ di più e ci guarda negli occhi un po’ di più, e a volte chiede per favore di mettere il ketchup sul melograno.

E se qualche volta gli scappa un urlo, non ci fa niente.

 

 

 

12

Where the wild things are

where_the_wild_things_are

 

Va meglio. Beh, un po’ meglio, nel senso che a volte sembriamo la famiglia del Mulino Bianco se al Mulino Bianco i figli a colazione cantassero ossessivamente WewilWewillRockYaRockYa ondeggiando mani e testa vorticosamente e versando tutto il caffè così faticosamente preparato e agognato. Va un po’ meglio, perchè alcuni giorni riusciamo a caricarci tutti e cinque in tre biciclette e a pedalare fino a Santa Monica, ci avventuriamo a sentire concerti jazz sul prato del LACMA con tanto di coperta Bed Bath and Beyond e cestino di vimini da picnic professionale come le famiglie i cui figli sgranocchiano carotine e stanno fermi per più di due minuti. Va molto meglio anche perchè K. e Little Brother hanno raggiunto il record olimpionico di gioco senza litigio di venticinque minuti, e l’ultima volta che hanno cercato di accecare Baby L. con un aeroplano è stato otto giorni fa. Altri giorni dovrebbero darmi l’Oscar per la pazienza,  ripeto il mantra della mia insegnante di yoga I will I must I can, e poi mi metto a ridere da sola.

E’ stata un’estate un po’ selvaggia ma migliore dell’anno scorso, siamo volati tutti in Italy anche se non tutti insieme, lo zio sta bene, i nonni ci hanno salvato e zia Bavaglina ha trovato il fidanzato, Baby L. ha cominciato a camminare e ora col suo passo atassico vaga pericolosamente per la casa, K. parla un buffo italiano fluente e Little Brother canta ancora Andiamo A Comandare (sigh!), Gianvito mi ha portato al birrificio (grazie :)) e ho comprato cinque paia di scarpe a Milano, anche se a Tony ho detto che erano solo tre.

Tornati a LA, vivo nel terrore angosciante che questi bambini non possano crescere insieme, ma anche nel panico che Baby L. mi butti il telefono nel cesso. Che infatti vivo attaccata al telefono, giudicata dalle madri del parco, che non sanno che sto parlando col terapista, prendendo appuntamenti con l’assistente dell’avvocato, intervistando una possibile Mary Poppins, rispondendo a un questionario dell’assistente sociale (pensate di avere abbastanza supporto come famiglia? Uh come no! Quali sono le vostre attività preferite nel fine settimana? Sopravvivere! Come va il vostro rapporto di coppia? Benissimo, cinque anni di matrimonio ci sembrano cinquanta!). Vivo aspettando quella email che mi dica cosa è successo oggi in tribunale.

Vivo anche cercando di scrivere qualcosa in questo blog, e mille volte vengo interrotta da: Mommy Mommy!, sonno, fai-il-training-online per foster parents, chiama la baby sitter, ricordati di leggere almeno un libro al giorno a Baby L., Mommy Mommy, Dadadada,  controlla dove è il telefono, più sonno, manda quella foto carina ma del tutto irrelevante al gruppo Nonni Whatsapp, MamaDada,e via dicendo.

Altri giorni ancora è solo I wish I can..

 

IMG-20160831-WA0004

 

 

17

You have your hands full

IMG_7597

Al prossimo che mi dice you have your hands full gli do una testata. Ma poi che significa, hai le mani piene, se io di bambini ne ho tre e di mani solo due, è evidente che non ce la posso fare.

Perchè con tre piccolini è come essere di guardia 24/7, con alcune notti che vanno meglio di altre, ma di solito ti svegli più stanco di quando sei andato a dormire. E i giorni. I giorni.

Perchè avrei sempre bisogno di qualcuno che mi allacci le scarpe (e oggi veramente un giovane homeless si è offerto di allacciarmele mentre spingevo il passeggino con due scalmanati dentro e non mi sono tirata indietro, anzi gli ho detto you made my day).

Perchè se non vi parlo delle lavatrici è meglio. O dei viaggi in in macchina, tutti stipati stretti stretti nella toyota corolla, a contare tutti gli autobus e esaltarsi per i cartelloni delle tartarughe ninja e a cavarsi gli occhi l’uno con l’altro.

Perchè Baby L. è in piena fase Biscotto di Roger Rabbit, non puoi perderlo di vista un attimo che combina disastri, Little Brother non ascolta manco a morire o fa finta di non capire, e K. che ormai è quasi alto quanto me e si è diplomato dal Kindergarten – con tanto di fiumi di lacrime della mamma- gioca a fare il baby portato dall’assistente sociale, e tu attrice multitasking devi impersonare contemporaneamente madre adottiva, assistente sociale, madre bio (belly tummy mommy) e perchè no, pure il giudice. Un psicodramma complicatissimo che viene di solito richiesto mentre il vero baby piange/deve essere cambiato/nutrito/viene torturato da Little Brother.

Perchè muoversi in bicicletta diventa sempre più arduo – anche se noi non molliamo. Cioè Tony ci crede ancora.

Perchè, ma si sapeva, la gente ti guarda come se avessi il prezzemolo fra i denti, ti vorrebbe dire qualcosa ma pare brutto- e alla fine si, ti dicono solo You have your hands full.

Perchè ho comprato il libro salvavita Siblings Without Rivalry, sottotitolo disperato how to help your children live together so you can live too, ma comunque non ho il tempo di leggerlo.

IMG_20160612_131507

Ma ci sono anche degli innegabili vantaggi nel crescere tre bambini di uno, tre e cinque anni.

Per cominciare, non c’è mai, dico mai, bisogno di mettere la sveglia la mattina, perchè c’è ne sempre uno che si sveglia prima delle sei. Soprattutto nel fine settimana. Quindi quell’ansia prima di addormentarsi oddio non ho messo la sveglia, scordatevela.

Poi, nell’eventualità che, in ritardo e deprivata di sonno da settimane, dimentichi la borsa sul cofano della macchina e parti, per poi visualizzarla sullo specchietto retrovisore cinque minuti dopo su Santa Monica blvd, quando torni a recuperarla il tuo telefono è perfettamente preservato, nonostante diversi autoveicoli ci siano passati sopra, grazie al doppio strato di pannolini e salviettine e amenità varie quali gommine di paw patrol e calze spaiate.

Ancora, la scuola di tuo figlio, mossa a pietà, organizza il mitico meal train, ovvero le famiglie della scuola si organizzano e per un mese ci portano la cena a casa. Una marea di Mc&Cheese e “lasagne” vegetariane e brownies, quasi tutto cibo di asporto, ma lo sapevamo che gli americani non cucinano e prima dell’estate ci sta di mangiare per un mese come loro in previsione della prova costume. Ma comunque non cucino la cena da un mese e non mi lamento.

Infine, quando la sera sono tutti a letto a orari americanissimi e finalmente accedi a Netflix per guardare una puntata di Parenthood (qualcosa di diverso no, eh?) e clicchi su EXIT KIDS, vuoi mettere la soddisfazione.

Ma soprattutto, quando hai tre figli, due ti sembrava facile.

IMG_20160513_151239

 

 

21

Fullest house

Non so se ce la facciamo è il nostro nuovo mantra.

Little Brother è arrivato stasera, e io dovrei essere felice, ma non ci riesco. Dopo dieci giorni di tachicardia, dieci giorni in cui l’assistente sociale mi diceva ve lo porto oggi o domani, dieci giorni in cui abbiamo mangiato tortellini agli spinaci con la salsa al pomodoro tutte le sere perchè sono i suoi preferiti, dieci giorni in cui mi sono seriamente chiesta se mi fossi immaginata tutto, oggi lui dorme nel suo lettino, e non è stato facile mettercelo, e non sarà facile tutto il resto.

Little Brother è stato con noi un mese e mezzo, l’anno scorso, e non aveva neanche tre anni, poi per cinque mesi ha vissuto con la bisnonna, cinque mesi in cui mi dicevano che stava bene e andava all’asilo, ci avevo fatto pace e avevo anche dato via i suoi vestiti (mossa furbissima). Adesso vengo a sapere che per cinque mesi non faceva altro che cercare di scappare di casa per tornare da Mommy, Daddy e Big Brother, fin quando un giorno non ci è riuscito davvero uscendo dalla finestra del bagno, atterrando sul bidone della spazzatura e cominciando a girovagare fin quando è stato ritrovato dai vicini e chiamata la polizia. Tre anni e mezzo.

E’ arrivato con vestiti che puzzano di fumo in due sacchi della spazzatura e ancora i pannolini. Ha giocato tanto con Big Brother, ha scavato sotto la pila di libri per trovare Go Dog Go che leggevamo sempre (cinque mesi fa!), ma non ci ha mai guardato negli occhi, poi però quando gli abbiamo mostrato la nostra foto ha detto this is Mommy and this is my Daddy.

Non so se ce la facciamo, loro sono tre, noi siamo due, la casa è piccola, Cabiria è scappata per davvero, io poi sono in netta minoranza. Non so se ce la facciamo lo abbiamo detto tante volte, quando ci siamo trasferiti a LA, quando è arrivato K. e l’adozione sembrava lunga e difficile, quando è arrivato Little Brother la prima volta e poi se ne è andato, quando è arrivato Baby L. che per inciso è adorabile e porteremo in Italia quest’estate.

Dovrei essere felice  ma sono incazzata perchè avremmo dovuto trascorrere insieme il suo compleanno e Natale, perchè avremmo dovuto portarlo in tutti i posti dove in questi mesi abbiamo pensato se qui c’era lui faceva un casino, perchè io avevo perso le speranze ma lui no. Lui lo sapeva di farcela, anche a costo di arrampicarsi dalla finestra del bagno come nei migliori film americani.