Questa estate

L’estate che ho adottato mio figlio è stata l’estate che mio fratello ha passato in ospedale con la leucemia e la Grecia è quasi uscita dall’euro.

IMG_6701

E’ stata l’estate che il passaporto è arrivato due giorni prima della partenza, e all’aeroporto non ci credevo che me lo stavo portando per davvero, e siamo volati in Italy dopo due anni di esilio, l’estate che la mia migliore amica ha preso l’aereo da Roma per venire in Sicilia a dirmi di essere incinta in super anteprima prima ancora di confidarlo a sua madre. Che spero non legga il mio blog.

L’estate italiana che mio figlio ha nuotato nel mare con le onde piccole e imparato canzoni pop anni ottanta sulle spiagge della West Coast siciliana, e l’italiano sul ritmo di aschifo, io ti mangia, orca pottanah, melansane e aspetta per me, e si è nutrito di pizzette e fiordifragola e ha bevuto  per la prima volta quella bevanda marroncina frizzante che gli è piaciuta tanto e si chiama CocaCola ma lui non lo sa ancora. Un’ estate che ogni riccio è stato cento capricci, e ricci ne abbiamo tanti, e lunghi e difficili da districare. L’estate del primo aereo, della prima granita e delle prime zanzare. L’estate che Daddy è diventato Papà. L’estate che mamma ho visto una motocicletta andare su una sola ruota.  L’estate che tutti a volergli far mangiare la cotoletta e il pesce spada.

L’estate che ho ricominciato a correre e ho fatto un fioretto. L’estate che abbiamo portato i bambini al birrificio Lambrate con Gianvito (Gazzè!) e gli ho promesso l’avrei citato sul blog. L’estate che siamo andati in vespa col nonno e abbiamo giocato a calcetto su tutti i lidi. L’estate che Alex e Daphne ci hanno detto che si sono lasciati un anno fa ma non avevano il coraggio di dircelo.

IMG_6908L’estate che in Italy tutti mi hanno detto cosa dovrei fare nella mia vita. L’estate che ho dormito poco, l’estate che ci siamo preoccupati tanto. L’estate che qui a Los Angeles tre altri bambini in affido a famiglie amiche sono tornati alla famiglia biologica, e adesso come glielo spiego. L’estate che lui parla in italiano con tutti gli amici americani e quando parla inglese sembra uscito dal Padrino. L’estate che ho litigato con la frizione. L’estate che pizza e gelato in Italy is much better. L’estate che siamo tornati a Los Angeles e lui non vuole stare più nel seggiolino perchè non è un baby e in Italy non si usa.

IMG_6852L’estate che cominceremo il Kindergarten, ma la scuola è troppo grande, e noi siamo piccoli, e la mamma non è pronta.

L’estate che ci colava fra le gambe quando avevamo vent’anni quindici anni dopo è stata un po’ bella ma anche un po’ aschifo. 

Aspetta per me, la prossima estate andrà meglio. Orca pottanah.

18 thoughts on “Questa estate

  1. Questa è l’estate che sta andando davvero aschifo per me. Tante cose brutte, poche cose belle. Tra le cose belle c’è questo racconto. Grazie. E quando tuo figlio fa i capricci, “facci una proposta che non può rrrrrrrrrrrrrrrrrifiutare!!” 🙂

  2. Davvero una estate special in tutti i sensi, positivi e negativi.
    Ti sento felice e appagata con Little K – io lo continuo a chiamare così. L’estate delle grandi scoperte, che sicuramente gli rimaranno impresse nella mente.
    Spero che tuo fratello sia guarito e che tutto proceda nel migliore dei modi.
    Un grande abbraccio

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...