Il primo giugno e cosa viene dopo

IMG_6623E’ andata più o meno così, e non nell’ordine: la sera del primo giugno Tony mi ha chiesto se davvero era andato tutto bene e potevamo stare tranquilli; il giudice non aveva la parrucca ma la toga e a little K. scappava da ridere perchè gli sembrava un vestito ma si è coraggiosamente trattenuto (parole sue); durante la festa il proprietario del parco che sembra Babbo Natale ci ha rimproverato perchè drincavamo spumante al playground; in tribunale mentre il giudice mi parlava la parte del mio cervello che capisce l’inglese si è spenta e guardavo disperatamente Tony per la traduzione estemporanea; la nostra assistente sociale preferita è venuta a supportarci; quando il giudice si è rivolto a Tony la parte del suo cervello che gli permette di fare lo spelling del suo cognome si è spenta a sua volta e ci ha messo cinque minuti e dieci tentativi a dare la risposta giusta mentre il nostro avvocato se la rideva; l’avvocato di little K. si è congratulato per l’eleganza; ho giurato con la mano in alto come nei film americani, I swear; il pomeriggio ho cucinato questa torta vegana cocco e limone che ho copiato da qualcuno dei vostri blog e era buona e abbiamo festeggiato con i mille amici di mio figlio; il giorno dopo sono andata a scuola a spiegare a dieci bambini fra i due e i quattro anni cosa significa adozione e non l’hanno capito ma si sono divorati il tiramisù alle fragole; la direttrice della nostra agenzia foster ci ha mandato una email di congratulazioni specificando che quando torniamo dalle vacanze è pronta a farci allargare ulteriormente la famiglia; le nonne che hanno visto le foto mi hanno subito chiesto perchè Little K. non aveva la giacca, vagli a spiegare quanto è stato arduo fargli tenere la camicia nei pantaloni quei cinque minuti e la cravatta era un’arma di distruzione di massa. Insomma tutti felici, Little K. è adottato al 100%, erediterà tutti i nostri money -ma più probabilmente tutti i nostri debiti, e possiamo lasciare occasionalmente il sacchetto della spazzatura fuori dal contenitore, che non verrà nessuno a controllare.

Il due giugno tutto è tornato come prima, prepara il lunch box per la scuola, una guerra per lavarsi i denti, posso portare quindici macchinine e mylittlepony nello zaino, ho baciato Marni di nuovo, leggi Peter Pan e buonanotte.

Tutto nella norma solo che siamo ancora qui, in attesa del passaporto blu, non abbiamo i biglietti, non abbiamo le valigie, non abbiamo un euro, passo le mie mattine al telefono con le signorine dell’agenzia dei passaporti, alcune sono pure diventate mie amiche.  Little K. mi chiede se in Italy la gente dorme, se in Italy la gente mangia, se in Italy può baciare le sue cugine (?). Io mi chiedo se in Italia ci andremo davvero. Dovremmo -dovevamo?- partire venerdì.IMG_6608 No ma tanto c’è tempo.

Annunci

15 thoughts on “Il primo giugno e cosa viene dopo

  1. Sono i post come questi che mi fanno fare pace col genere umano. And the part of my brains that understands Italian decided to stop working while I was reading. And I would LOVE to meet you, Tony and little K.

  2. Credo che siete felici tutti quanti da Litte K a Tony, passando attraverso te.
    Bello e appassionante come un thriller è questo articolo. Dunque in partenza per l’Italia?
    Ha ragione Little K a informarsi se l’Italia è un paese normale 😀
    A leggerti
    Un abbraccio a tutti voi
    Ultima annotazione la direttrice dell’agenzia foster vi vuole appioppare un nuovo Little T all’anno?

  3. Accidenti, pare che nella vostra famiglia ci sia sempre qualche scoglio da superare per raggiungere i vostri obbiettivi! Vedrai che anche coi passaporti filerà tutto liscio alla fine. Faccio il tifo per voi, come sempre.

  4. Sulla parte del cervello che capisce le lingue che si spegne o malfunziona ho aneddoti divertentissimi, tipo io che in Germania mi rivolgo a mia moglie parlando in tedesco CONVINTO di parlarle in italiano, il tutto sotto gli occhi della cameriera che aspetta l’ordinazione al ristorante… 😀

    Comunque tutto e’ bene quel che finisce bene, passaporto blu compreso!!! Itay awaits you 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...