La mia amica V.

V. è la mia nuova amica americana. Ed è pazza.

No, ricominciamo.

V. è la mia nuova amica americana. Mi ha chiesto se potevo andare a casa sua ad insegnarle a cucinare il tiramisù, così usavamo il suo forno.

Ok, ho detto io, non ci serve il forno ma ok. Le ho mandato una mail con la lista degli ingredienti e ci siamo messe d’accordo per vederci sabato.

Venerdì mi ha mandato cinquantadue messaggi, tra cui ”lo zucchero bianco o di canna?”, ”che tipo di farina?”, ”i lady fingers (cioè savoiardi) non ce li hanno perchè sono stagionali”(?), ”ho preso lo zucchero sbagliato, vado in un altro supermercato”, ”che tipo di panna?”, ”il negozio sta chiudendo”,”puoi portare tu il rum?”, ”ho comprato pasta, olive e pomodorini” (ma perchè?), ”puoi portare tu il cacao?”, ”vado a restituire i pomodorini, non sono buoni”, ”ho dimenticato la mozzarella” (ma chi ti ha detto di prenderla?),”ho preso l’acqua San Pellegrino”.

La pazienza è una delle mie virtù, quindi le ho detto Ok ci vediamo sabato mattina davanti al supermercato così facciamo la spesa insieme e poi andiamo a casa tua.

Sabato mattina ci incontriamo davanti al supermercato che chiameremo numero uno, mi presenta a tutti i commessi, cambia lo zucchero e il latte. Mi porta quindi in un negozio dove ha perso il cappello. Lo troviamo. Mi porta nel supermercato numero due per comprare i pomodori. Mi presenta a tutti gli impiegati. Impieghiamo un’ora a scegliere due pomodori. Andiamo in un caffè perchè deve fare colazione (sono quasi le due). Mi presento al cameriere. Torniamo al supermercato numero uno a scegliere la mozzarella. Saluto rassegnata il commesso. Vuole andare al supermercato numero tre a prendere delle noci.  La blocco con la mia nota risolutezza e riesco a portarla a casa, dopo essermi assicurata che avesse il caffè e la moka.

A casa di V. c’e solo un pentolino piccolo piccolo, numerosi cucchiaini di plastica, una vecchia teglia di allumino ed una frusta a mano. La caffettiera non viene usata da mesi. In frigo ci sono uova scadute il 23 marzo.

Mi guarda sorridendo sempre con il cappello in testa, mette il timer al microoonde e mi dice che va a riposarsi dieci minuti.

To be continued…

Advertisements

37 thoughts on “La mia amica V.

    • Non oso pensare, magari impiatterà il tutto nel cappello? Per non sbagliare portati dietro un “sandwich” 😉
      Cosa intendi per “la pazienza è davvero una delle tue doti”? Sono curiosa 😀

  1. ahahaahahahahahaahahahah!
    mi sono rivista in mille avventure culinarie ” a domicilio” a casa dei miei amici!!!
    Se è rpogrammato ormai, come le parrucchiere, mi porto la mia borsa con non solo attrezzi ma anche ingredienti fondamentali, anche se è previsto il “fare la spesa insieme”. A volte alcune cose per noi sono scontate (vedi controllare la scadenza della roba in frigo, o usare olio evo per cucinare) ma non tutti hanno la medesiam cura nella loro dispensa!
    AIUT!!!!

  2. 😀 aspetto il racconto di come avete fatto mai a preparare il tiramisu mooooolto presto 😉 P.S.ma esattamente, che cosa pensa che siano i savoiardi? che non sapevo che avessero una stagione (e a che cosa le servono pomodori e mozzarella? una versione salata del tiramisu’?…mmm)

  3. Ciaoooo.. intanto grazie del commento al mio blog!!! ahahaha ma questa tua amcia è una forza! certo non so se avrei avuto la tua pazienza.. Son curiosa di leggere il resto.. e vedere il tiramisù! baci e torna a trovarmi.. t’aspetto!!!

  4. questo racconto è assolutamente fantastico!! La tua amica V. incredibile e tu con una pazienza infinita. Aspetto il seguito e mi iscrivo per l’aggiornamento dei tuoi post…che sono imperdibili. Davvero complimenti !

      • Rispondo io!!!!
        @Laura
        quando scirvi un commento puoi spuntare la casella “ricevi gli aggiornamenti” ce ne sono 2, una per i commenti al post che hai commentato e l’altra per i nuovoi post sul blog. Puoi selezionare uno o l’altro o entrambi.

        @Supercaliveggie: nel menù Aspetto, sottomenù Widget puoi decidere di inserire nella sidebar un widget (scegliendolo tra quelli disponibili) “Sottoscrizione al blog” verrà visualizzato un pulsantino per abbonarsi via email.

        Gli utenti WordPress possono farlo anche senza il pulsante, ma per chi non ha un account WP il pulsante nella sidebar è molto comodo!

        spero di averti aiutato!

  5. Pagherei per avere un’amica così…di sicuro costituirebbe un ottimo allenamento per la mia pazienza che, a volte, vacilla. Ne ho tanta ma in alcuni momenti, non so perchè (in realtà sì) mi abbandona, lasciandomi sola a combattere contro i miei stessi demoni. In questo momento, ad esempio, non me ne resta un briciolo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...